Lega Internazionale per i Diritti Umani

IL DESTINO DEGLI ESSERI UMANI E’ NELLE MANI DI TUTTI.

Questo è il principio ispiratore della LIDU, la Lega Internazionale per i Diritti Umani, affiliata all’International League for the Rights of Men di New York.
La LIDU si costituisce a Milano alla fine degli anni Sessanta, con la presidenza di Riccardo Bauer.
È una libera associazione senza fini di lucro, il cui obbiettivo è promuovere la conoscenza e la difesa dei diritti dell’individuo nello Stato e nella Comunità Internazionale, secondo lo spirito della “Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo” ,(I),approvata dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite il 10 dicembre 1948.
Riteniamo che una corretta conoscenza dei diritti possa essere un valido strumento di interiorizzazione dei valori fondanti di una società realmente evoluta, quali il valore della vita, dell’uso corretto della libertà, in una responsabilità condivisa per un vivere civile, nelle comunità locali, nazionali, europee e mondiali.
Il paradigma dei diritti umani, quale mezzo universale di comunicazione, ne fa uno strumento indispensabile nella gestione complessa di una società multiculturale.
In una mondializzazione senza regole ne diventa l’antidoto nel salvaguardare le diversità sia tra le persone che tra le differenti culture.

Malgrado la notevole importanza che riveste, la Dichiarazione è un testo poco letto e conosciuto.
Per questo nasce il concorso “Ambasciatori dei Diritti Umani”, rivolto ai giovani degli Istituti superiori, di Milano, Roma e Napoli, che seleziona ogni anno tre Ambasciatori da ciascuna città.
L’importanza di questo concorso ha a che fare con la dimensione culturale del grande tema dei Diritti Umani; il senso del titolo attribuito ai vincitori ha a che fare con la diffusione dell’attitudine alla riflessione su questo argomento, con la divulgazione di una visione critica del nostro mondo contemporaneo e con la comunicazione di un pensiero coerente con l’aspirazione ad una società globale più giusta e migliore.
La Dichiarazione Universale ha, con i suoi 30 articoli, un respiro molto ampio. Non si limita a sancire i diritti alla vita ed alla sicurezza, nel senso della mera sopravvivenza fisica dell’individuo, ma si esprime con decisione anche (e forse soprattutto) in difesa delle sue caratteristiche più propriamente umane: uguaglianza, libertà, indipendenza, identità…..
Questo significa che il valore della Dichiarazione trascende la semplice difesa dell’integrità materiale dell’essere umano (che pure è spesso calpestata) e si spinge oltre, proclamando i punti chiave di un percorso verso la sua piena realizzazione – i quali a loro volta, evidentemente, costituiscono le basi per la costruzione di una società equa e sostenibile su larga scala.

In questo senso è importante che anche i Paesi occidentali, i cui abitanti a volte hanno la sensazione di sfiorare il migliore dei mondi possibili, non smettano di riflettere sulle implicazioni dei Diritti e dei Doveri, nell’ottica di una crescita qualitativa a tutto tondo. E in questo senso è necessario che i giovani assumano un ruolo attivo nella sensibilizzazione del pubblico su questo tema: questo è il significato del Progetto Ambasciatori dei Diritti Umani.

Tiziana Gardini

Contatti : La LIDU ha sede a Milano in via Daverio 7, presso la Società Umanitaria – lidu@umanitaria.it.

Note :

(I) il testo integrale in Italiano puo´essere scaricato presso il sito ufficiale delle Nazioni Unite a : http://www.ohchr.org/en/udhr/pages/language.aspx?langid=itn